,

L’evoluzione dell’occhio, visione e disturbi oculari

L’evoluzione dell’occhio, della vista e dei disturbi oculari

L’evoluzione di questo organo, come l’evoluzione di tutti gli altri esseri viventi, è un dato di fatto, quindi le teorie evoluzionistiche possono facilmente spiegarlo. L’occhio è uno dei cinque organi di senso fondamentali, come è risaputo. È un organo che include recettori sensibili alla luce ed è il principale responsabile della trasmissione al cervello di informazioni visive sugli oggetti circostanti. Come detto, lo fa attraverso i sensori elettrochimici all’interno della sua struttura. Come nel caso di molti aspetti della vita, questo può essere espresso in termini tangibili. impariamo anche cosa determina il colore degli occhi? Se diamo una rapida occhiata a questo principio operativo: per ragioni fisiche e chimiche, diverse sorgenti nello spazio producono fotoni.

Questi raggi raggiungono la Terra (o qualsiasi altro luogo) e colpiscono questi pianeti e ovunque possano raggiungerli, prima di essere rifratti dalle leggi fisiche. A causa delle forme di riflessione e rifrazione dei fotoni, gli attributi fisici di tutte le cose vengono inavvertitamente trasportati insieme a questa riflessione. I raggi di luce che cadono su ciascun punto di una superficie curva, ad esempio, verranno rifratti in direzioni diverse. L’occhio è un organo specializzato per catturare i fotoni mentre interagiscono continuamente con l’ambiente circostante.

evoluzione dell'occhio umano e del colore dell'iride
evoluzione dell’occhio umano e del colore dell’iride

Il cervello è responsabile della vista

Lo strato nervoso specifico determina gli angoli di incidenza, le intensità, ecc. dei raggi luminosi che entrano attraverso la pupilla, che è l’area di ingresso dell’occhio. Sono tradotti in numerosi segnali elettrochimici in base alle loro qualità fisiche. Questi segnali vengono trasportati al cervello dalle cellule nervose e analizzati da particolari cellule nervose nel cervello che sono in grado di interpretarli. Come risultato di questa revisione, vengono prodotti numerosi composti e noi “crediamo” di aver creato le reazioni appropriate (pensieri, riflessi, ecc.) In realtà, queste reazioni sono processi biologici. È fondamentale notare che il cervello, non l’occhio, è responsabile della vista. L’unico scopo dell’occhio è trasmettere informazioni al cervello convertendo i raggi luminosi in entrata in segnali elettrochimici.

I segnali oculari vengono trasmessi gerarchicamente e analizzati da parti del cervello specializzate nell’interpretazione dei segnali oculari. Come risultato di questi segnali, le cellule in varie regioni del cervello emettono varie sostanze, permettendoci di percepire “l’oggetto” che vediamo. La corteccia visiva e il collicolo superiore sono le due parti principali del cervello che analizzano i dati sull’occhio.

A questo proposito, il funzionamento dell’occhio è abbastanza semplice e comprensibile. Attualmente, tutti i computer e le reti Internet funzionano come l’occhio umano. Inizialmente, le istituzioni internazionali di standardizzazione sviluppano una raccolta di regolamenti, noti come protocolli. In base a questi protocolli, vengono prodotti circuiti elettrici e questi circuiti creano alcuni segnali elettrici in linea con questi protocolli. In linea con le procedure, questi segnali vengono ricevuti e valutati dai ricevitori.

La pigmentazione della melanina dell’iride determina il colore degli occhi

Simile alla nostra pelle, la pigmentazione determina il colore dei nostri occhi. L’iride, che si trova sotto la cornea (lo strato più esterno dell’occhio), è costituita da molti strati. I due più esterni sono indicati insieme come il confine anteriore. Ciò include i melanociti, che producono il pigmento. Ognuno ha quasi lo stesso numero di melanociti, ma la quantità di melanina che generano è determinata dai nostri geni. Lo stesso pigmento influenza il colore della nostra pelle, e più ne generiamo, più scura diventa la nostra pelle. Le variazioni nella quantità di melanina, pigmento situato nella parte anteriore dell’iride, determinano il colore degli occhi.

L’assenza di questo pigmento si traduce negli occhi azzurri, la sua presenza negli occhi verdi e la sua abbondanza negli occhi marroni. Pertanto, gli occhi marroni più chiari hanno un po’ meno melanina rispetto agli occhi marroni più scuri. Tutte le variazioni nel colore degli occhi si verificano allo stesso modo. Gli occhi blu-verdi hanno livelli di melanina tra il verde e il blu, gli occhi nocciola hanno livelli di melanina tra il verde e il marrone e così via.

L’occhio umano funziona in modo simile alle reti elettriche.

Diversi fasci di luce di ogni frequenza, lunghezza d’onda e forza entrano nei nostri occhi da ogni direzione in ogni istante. Ciascuno di essi genera vari impatti sulle cellule specializzate dell’occhio. Questi effetti sono tradotti in vari impulsi elettrici e consegnati al cervello da queste cellule nell’occhio. Analizzando i numerosi impulsi elettrici provenienti dall’occhio, il cervello svolge la funzione per la quale si è evoluto in milioni di anni: traduce i dati dall’occhio in un’immagine. L’occhio è un organo chiave per gli esseri viventi e, di conseguenza, c’è una domanda molto significativa su di esso.

Numerosi elementi naturali influiscono sulla funzione oculare, aumentando quindi lo stress ambientale degli occhi. A causa di ciò, possiamo vedere una varietà di forme oculari in diversi organismi. Ognuno di questi garantisce che la specie sia in grado di adattarsi all’ambiente circostante in modo ottimale.

 

evoluzione dell'occhio umano e colore dell'iride
evoluzione dell’occhio umano e colore dell’iride

 

L’organello noto come punto dell’occhio è diventato più specializzato e ora può rilevare la “direzione” della luce.

Questo nuovo organello, che ha caratteristiche leggermente più estese rispetto alla punta dell’occhio, è ora noto come stigma. Questa struttura è ancora presente nelle valli oggi. Lo stigma è un organello che comprende fini strutture cristalline e un colore cremisi. Usando le informazioni dello stigma, Glena determina la direzione della luce e gira la sua frusta in quella direzione. In questo modo la fotosintesi è sempre orientata verso una luce maggiore. Non è difficile capire come questo si sia evoluto. Il vantaggio andrà a quegli antenati primordiali con un punto d’occhio che sono ugualmente diretti o sensibili.

Perché quelli che possono avvicinarsi di più alla luce saranno in grado di fotosintetizzare di più e ottenere più nutrienti. Gli individui che sono sensibili alla direzione della luce alla fine saliranno ai vertici della società come risultato di questo processo di selezione direzionale. Durante questo periodo, l’evoluzione chimica (cambiamenti nelle molecole) è avvenuta naturalmente e la biochimica degli organelli e delle cellule ha iniziato a cambiare.

I computer e le reti Internet funzionano come l’evoluzione dell’occhio umano

A questo proposito, il funzionamento dell’occhio è abbastanza semplice e comprensibile. Attualmente, tutti i computer e le reti Internet funzionano come l’occhio umano. Inizialmente, le istituzioni internazionali di standardizzazione sviluppano una raccolta di regolamenti, noti come protocolli. In base a questi protocolli, vengono prodotti circuiti elettrici e questi circuiti creano alcuni segnali elettrici in linea con questi protocolli. In linea con le procedure, questi segnali vengono ricevuti e valutati dai ricevitori. L’occhio umano funziona in modo simile alle reti elettriche. Diversi fasci di luce di ogni frequenza, lunghezza d’onda e forza entrano nei nostri occhi da ogni direzione in ogni istante. Ciascuno di essi genera vari impatti sulle cellule specializzate dell’occhio.

Questi effetti sono tradotti in vari impulsi elettrici e consegnati al cervello da queste cellule nell’occhio. Analizzando i numerosi impulsi elettrici provenienti dall’occhio, il cervello svolge la funzione per la quale si è evoluto in milioni di anni: traduce i dati dall’occhio in un’immagine. L’occhio è un organo chiave per gli esseri viventi e di conseguenza c’è una domanda molto significativa su di esso. Numerosi elementi naturali influiscono sulla funzione oculare, aumentando quindi lo stress ambientale degli occhi. A causa di ciò, possiamo vedere una varietà di forme oculari in diversi organismi. Ognuno di questi garantisce che la specie sia in grado di adattarsi all’ambiente circostante in modo ottimale.

 

cosa determina il colore degli occhi
cosa determina il colore degli occhi

 

L’organello noto come punto oculare è diventato più specializzato e ora può rilevare la “direzione” della luce.

Questo nuovo organello, che ha caratteristiche leggermente più estese rispetto alla punta dell’occhio, è ora noto come stigma. Questa struttura è ancora presente nelle valli oggi. Lo stigma è un organello che comprende fini strutture cristalline e un colore cremisi. Usando le informazioni dello stigma, Glena determina la direzione della luce e gira la sua frusta in quella direzione. In questo modo la fotosintesi è sempre orientata verso una luce maggiore. Non è difficile capire come questo si sia evoluto. Il vantaggio andrà a quegli antenati primordiali con un punto d’occhio che sono ugualmente diretti o sensibili. Perché quelli che possono avvicinarsi di più alla luce saranno in grado di fotosintetizzare di più e ottenere più nutrienti. Gli individui che sono sensibili alla direzione della luce alla fine saliranno ai vertici della società come risultato di questo processo di selezione direzionale.

Durante questo sviluppo, si è verificata naturalmente un’evoluzione chimica (molecolare) e la biochimica di organelli e cellule ha cominciato a cambiare.

La retina (strato retinico)

Successivamente nell’evoluzione dell’occhio, più cellule che diventeranno la struttura della retina (strato retinico) vengono incorporate in questa struttura cava e nella struttura dell’occhio. Ciò è dovuto al fatto che gli esseri viventi evolvono i sistemi diventando sempre più specializzati. Ancora una volta, lo sviluppo di sistemi migliora l’efficienza energetica, poiché sistemi specializzati possono svolgere funzioni particolari senza affrontarne altre. Il sistema nervoso si è sviluppato per diventare il meccanismo responsabile della trasmissione delle informazioni. Le cellule che costituiscono i progenitori dello strato retinico trasferiscono le informazioni che il cromoforo trasforma in impulsi elettrici al sistema nervoso o all’area contenente le cellule deputate alla valutazione.

La retina è una parte del sistema neurale in molti organismi viventi che svolge questa funzione. Le meduse, per esempio, hanno gli occhi ma non il cervello. Questa volta, come detto, queste cellule comunicano l’informazione direttamente ai muscoli, ei muscoli rispondono con le loro particolari strutture a questa informazione elettrochimica. Il punto oculare concavo consente alla luce di entrare da una gamma limitata, piuttosto che da ogni aspetto come indicato. Tuttavia, man mano che questa fossetta cresce, crescerà anche il punto focale. Pertanto, gli occhi che sono costantemente più concavi verranno mantenuti e le punte degli occhi diventeranno sempre più vuote. Tuttavia, non va dimenticato che l’evoluzione non si limita al sistema visivo. Col passare del tempo, la complessità degli organismi viventi aumenta. Pertanto, avere occhi più forti sarà sempre vantaggioso.

Ora, ci sono due fasi cruciali in cui gli organismi legati all’occhio devono evolversi, o, più precisamente, in cui il loro sviluppo in condizioni ambientali darà loro un vantaggio: la chiarificazione dell’immagine e la percezione delle forme e dei colori degli oggetti.

In primo luogo, aumentando la quantità di rifrazione dei raggi incidenti, si migliora il successo della focalizzazione della luce in un punto specifico; questa è la fase iniziale.

La seconda fase consiste nell’abilitare una visione efficace e chiara in variare l’intensità della luce regolando la quantità di luce che l’occhio riceve. Nella fase iniziale, un liquido è stato iniettato nella struttura dell’occhio cavo. Nello specifico, gli organismi con occhi pieni di liquido si trovano in una posizione favorevole. L’indice refrattario dei fluidi oculari è maggiore di quello dell’aria; quindi, quando la luce entra in questo ambiente, si raccoglie e si concentra su un unico punto. possibile anche a casa utilizzando laser e polimeri trasparenti. La seconda fase è stata l’aggiunta del “diaframma”, o struttura dell’iride, all’occhio.

Ciò si ottiene attraverso lo sviluppo reciproco dei muscoli che circondano l’occhio e l’occhio stesso. Gli individui di maggior successo in questa reciproca evoluzione hanno ottenuto un vantaggio rispetto alle altre specie vedendo chiaramente sia in condizioni di luce intensa che scarsa. Considera come l’immagine si sfoca quando una fonte di luce come un riflettore è diretta verso i tuoi occhi. A causa della forma dell’iride, gli esseri viventi con strutture oculari hanno sviluppato una struttura oculare in grado di adattarsi alle variazioni di luce. Come abbiamo già detto, tutto questo è stato fatto attraverso un processo di miglioramento graduale, dove ogni passaggio è migliore del precedente.

L’iride regola la dimensione della pupilla, che influenza la quantità di luce che entra nell’occhio.

I muscoli dell’iride si contraggono e la pupilla si dilata in condizioni di scarsa illuminazione (o si dilata). Ciò consente a più luce di entrare nell’occhio. Se l’ambiente è luminoso, l’iride si espande, provocando la contrazione della pupilla. In situazioni di luce intensa, l’iride impedisce a più luce di entrare nell’occhio. Gli individui con gli occhi di colore più chiaro possono essere più sensibili alla luce rispetto a quelli con gli occhi di colore più scuro. In condizioni luminose, il pigmento dell’iride (melanina) aiuta a filtrare più luce. Con gli occhi blu o verdi, i livelli di melanina sono insufficienti per impedire alla luce di entrare nell’occhio. Al contrario, il pigmento scuro negli occhi marroni fornisce una protezione solare naturale.

Il colore degli occhi è proporzionale alla quantità di melanina negli strati anteriori dell’iride.

Le persone con gli occhi marroni hanno un’alta concentrazione di melanina nell’iride, mentre quelle con gli occhi azzurri hanno una concentrazione notevolmente inferiore.

Come si sviluppa il colore degli occhi?

La genetica ha un ruolo significativo nella determinazione del colore degli occhi. Sebbene non comuni, ci sono altre varianti genetiche che potrebbero sorprendere due genitori con gli occhi azzurri producendo un bambino con gli occhi marroni. Il marrone è geneticamente dominante su tutti gli altri colori dell’iride ed è il colore dell’iride più frequente a livello globale. Gli occhi verdi sono il colore degli occhi più raro e si verificano in meno del 5% della popolazione mondiale. Sebbene esista un numero infinito di combinazioni di colori, i gruppi di colori primari sono marrone, blu, grigio, nocciola e verde.

Come o cosa determina il colore degli occhi?

Il colore dell’iride è determinato dalla quantità di pigmento, o melanina, presente nei vari strati dell’iride. Maggiore è la quantità di melanina, più scuri sono gli occhi. Meno pigmentazione si traduce in occhi più chiari. Sotto un ingrandimento estremo, i filamenti scuri dell’iride assomigliano a spesse corde e i filamenti chiari dell’iride come i fili di un maglione. Come accennato in precedenza, “Lumineyes Laser eye color change” riduce questa densità di pigmento, schiarendo il colore dell’iride in modo da avere gli occhi colorati.

Gli organismi viventi di oggi con umor vitreo e un’iride negli occhi hanno iniziato a differenziare gli oggetti in modo più chiaro, hanno ottenuto una posizione vantaggiosa e alla fine sono diventati la specie dominante nella comunità.

Tuttavia, alcune specie sono andate molto oltre. Questo liquido cristallino è stato condensato e concentrato in una regione più stretta in alcune persone, e dietro la pupilla, che è l’ingresso dell’occhio, si è evoluto il cristallino. La struttura della lente ricorda quella di liquidi estremamente densi. Contraendo e rilassando i muscoli regionali (fibre zonulari) che circondano il cristallino, la quantità di rifrazione della luce può essere alterata. Ciò consente all’organismo di fornire visione e prosperare in una vasta gamma di ambienti. Al fine di migliorare la chiarezza visiva nelle fasi successive dello sviluppo, la cornea, che protegge il cristallino, la pupilla e i componenti della camera anteriore che si trovano davanti all’iride negli occhi contemporanei, ha sviluppato una struttura con la capacità di contrarsi e rilassarsi.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Latest Post