Cos’è il trattamento della chirurgia della cataratta?

Nella chirurgia della cataratta, il cristallino opacizzato dell’occhio viene rimosso e sostituito con un lente artificiale. Normalmente, la struttura del nostro cristallino è trasparente, ma quando si forma la cataratta, il cristallino diventa nebuloso. La luce che entra nell’occhio si diffonde. Di conseguenza, il nostro grado di visione diminuisce. In questa circostanza, la chirurgia della cataratta è l’unica opzione di trattamento. Grazie alla chirurgia della cataratta, la tua vista sarà più nitida e confortevole. La chirurgia della cataratta è un serio intervento chirurgico agli occhi. Quali sono i sintomi della cataratta? E qual è il tempo di recupero della chirurgia della cataratta? Un chirurgo professionista deve eseguire un intervento di cataratta. In un occhio sano, l’atto di vedere è causato dalla rifrazione della luce correlata all’immagine in vari strati dell’occhio e dalla sua concentrazione sulla retina, che è posizionata nella parte posteriore dell’occhio e trasferisce l’immagine al cervello.

Questo processo di messa a fuoco si verifica a causa dello strato di cornea trasparente nella parte anteriore dell’occhio e del cristallino, che è responsabile della messa a fuoco mentre si guarda da vicino o da lontano. Oltre a questo, anche i fluidi dell’occhio e altri tessuti hanno un’influenza sulla messa a fuoco. Nelle loro prime fasi, la cataratta potrebbe non essere problematica. La sfocatura può interessare solo una piccola parte dell’obiettivo. Tuttavia, la cataratta può peggiorare con il tempo, interessando una parte maggiore del cristallino e compromettendo la vista. Meno luce che raggiunge la retina rende la visione più difficile. La tua vista può essere scarsa e offuscata se sono presenti cataratte. La cataratta non può essere trasmessa da un occhio all’altro. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti ha entrambi gli occhi colpiti.

sintomi e cause del tempo di recupero della chirurgia della cataratta
sintomi e cause del tempo di recupero della chirurgia della cataratta

Cosa sono le cataratte?

L’età è la causa più diffusa di cataratta. La lente dell’occhio è una struttura trasparente a base di proteine. La struttura di queste proteine ​​cambia con l’avanzare dell’età e diventano opache. Quando si forma una cataratta, la lente dell’occhio diventa opaca, simile al vetro smerigliato. La lente, la cui struttura si è deteriorata, non è in grado di focalizzare correttamente la luce; pertanto, la luce che entra nell’occhio viene dispersa. Di conseguenza, la vista del paziente si deteriora e ha difficoltà a svolgere le sue normali attività. In questo caso, indica che l’intervento chirurgico è diventato essenziale. I cambiamenti legati all’età nel cristallino sono la causa più significativa di cataratta negli adulti. La cataratta può essere causata da malattie metaboliche, matrimonio consanguineo, malattie fetali, uso di droghe durante la gravidanza, condizioni microbiologiche e incidenti nei giovani.

Quali sono i sintomi della cataratta?

  1. difetto della vista
  2. ridurre la vivacità dei colori
  3. Bisogno frequente di cambiare gli occhiali
  4. Visione offuscata a distanza
  5. difficoltà a leggere i sintomi
  6. distribuzione della luce
  7. doppia visione
  8. inizia a leggere senza occhiali
  9. Cambiamento inspiegabile nel numero degli occhi
  10. sensibilità alla luce o alle cose luminose
  11. daltonismo
  12. incapacità di distinguere determinati colori in un’immagine

Quali sono le condizioni che causano la cataratta?

  1. Età
  2. Trauma
  3. Diabete
  4. Alcuni prodotti farmaceutici
  5. Radiazioni
  6. Fumare
  7. luce UV
  8. Esposizione ad agenti cancerogeni
  9. Alcune malattie si verificano durante la gravidanza (come il morbillo).
  10. Infiammazioni agli occhi
  11. Glaucoma

Perché è necessario un intervento di cataratta?

Se la cataratta ha annebbiato l’occhio, potrebbe evaporare. Al fine di evitare una condizione come la cecità, è fondamentale intraprendere un intervento chirurgico quando si presenta una situazione del genere. Inoltre, la cataratta congenita richiede un intervento chirurgico immediato urgente. Per il trattamento della cataratta, viene eseguita la chirurgia della cataratta. La cataratta può produrre disturbi della vista e intensificare il bagliore della luce. Se la cataratta sta ostacolando la tua capacità di svolgere le attività quotidiane, il medico proporrà un intervento di cataratta.

La chirurgia può anche essere raccomandata quando la cataratta crea ulteriori problemi agli occhi. Ad esempio, se la cataratta rende difficile per l’oftalmologo ispezionare la parte posteriore dell’occhio per monitorare o trattare altre condizioni oculari, come la degenerazione maculare senile o la retinopatia diabetica, può essere indicato un intervento chirurgico. Nella maggior parte dei casi, ritardare l’intervento di cataratta non danneggerà gli occhi, ma aspettare troppo a lungo può causare danni permanenti agli occhi. Inoltre, le cataratte tardive e indurite sono più difficili da trattare chirurgicamente.

Quali sono le diverse forme di cataratta e i sintomi della cataratta?

Cateratta nucleare:

La cataratta nucleare è definita da una perdita della vista al centro dell’immagine dovuta all’accumulo di materiale nella regione centrale del cristallino. Nelle prime fasi, i pazienti hanno difficoltà a vedere gli oggetti in primo piano. Nelle fasi finali, la loro visione diventa sfocata e la perdono completamente.

cataratta corticale:

Questa è la forma di cataratta che inizia ai margini del cristallino. La cataratta progredisce a forma di cuneo dalla periferia al centro. Con il progredire della malattia, si può rilevare l’offuscamento o la scomparsa di particolari porzioni della vista, nonostante l’assenza di sintomi significativi nelle fasi iniziali.

Cateratta posteriore:

La cataratta posteriore è una forma di cataratta che si sviluppa più rapidamente delle altre due ed è definita dall’accumulo di materiale nella regione posteriore del cristallino. Soprattutto di sera, ciò potrebbe provocare abbagliamento e aloni di luce.

Cateratta congenita:

La cataratta congenita si riferisce alla formazione di cataratta nell’infanzia o nell’infanzia a causa di numerose condizioni di salute congenite. I primi problemi del cristallino possono essere osservati in persone con malattie genetiche come la galattosemia, la neurofibromatosi di tipo 2, la distrofia miotonica, un grave accumulo di sostanze e la perdita della vista.

Cateratta secondaria:

La cataratta secondaria è un tipo di cataratta causata da condizioni sottostanti come diabete, glaucoma (pressione oculare alta) e uso di steroidi. Anche un colpo fisico all’occhio o un trattamento con radiazioni per il cancro possono produrre la cataratta.

Cateratta matura:

Con una cataratta matura, il cristallino dell’occhio è diventato opaco, con conseguente grave compromissione della vista. La cataratta matura è in realtà una specie di cataratta nota come cataratta nucleare, che si sviluppa al centro del cristallino dell’occhio.

quali sono i sintomi e le cause del recupero della chirurgia della cataratta dr mete
sintomi e cause del tempo di recupero della chirurgia della cataratta- Dott. .Mustafa Mete

 

Quali tipi di lenti vengono utilizzate nella chirurgia della cataratta per ridurre i sintomi della cataratta?

lenti monofocali, chiamate anche lenti “single focus”, hanno un punto singolo di messa a fuoco e rendere le cose chiare solo alla distanza a cui sono impostate. Può essere impostato per una lunga o breve distanza, a seconda di ciò che desidera il paziente. Il più delle volte, è meglio usare gli occhiali da vicino o da lontano. Le lenti con più di un punto focale sono chiamate “lenti multifocali-lenti trifocali.” Gli anelli su questi obiettivi consentono loro di avere più di un punto focale. In questo modo, mostrano quanto sono lontani e quanto sono vicini. Negli ultimi anni, le lenti trifocali, chiamate anche “lenti intelligenti”, hanno reso più facile vedere le cose a distanze medie.

Anche se l’immagine da tutte le distanze è nitida sulla retina allo stesso tempo, queste lenti possono causare problemi come la dispersione della luce e la visione moiré. Poiché questo non è il modo in cui il nostro cervello di solito rappresenta le cose, i pazienti potrebbero inizialmente trovarlo strano. Ma dopo un po’ il nostro cervello si abitua a come stanno le cose e smettiamo di lamentarci.

Nell’occhio, diverse lenti intraoculari svolgono varie funzioni,per ridurre i sintomi della cataratta

Gli obiettivi EDOF, che stanno per “maggiore profondità di fuoco”, hanno meno anelli rispetto ad altri obiettivi, ma le distanze focali sono state aumentate utilizzando la tecnologia. Ciò rende molto meno probabile che le persone abbiano problemi con le lenti multifocali. Anche se non fanno un ottimo lavoro nel mostrare la distanza ravvicinata, fanno un buon lavoro nel mostrare la distanza lunga e media. È meglio per i giovani che non possono usare lenti multifocali, le persone che hanno subito interventi di chirurgia laser e le persone il cui lavoro richiede loro di essere in grado di vedere bene a distanza e di notte. Lenti toriche: l’astigmatismo è una condizione dell’occhio. Il raggio di luce che entra nell’occhio non può essere focalizzato su un singolo punto, quindi viene creata un’immagine sfocata. Questo rende difficile vedere sia da vicino che da lontano. Oggi, le lenti intraoculari toriche possono essere utilizzate per correggere l’astigmatismo.

Quali rischi sono associati alla chirurgia della cataratta?

La chirurgia della cataratta è una procedura comune con un’alta percentuale di successo. A questo proposito, il rischio di problemi postoperatori è minimo. I pazienti possono sviluppare infezioni oculari e sanguinamento dopo l’intervento chirurgico a causa di un’insufficiente cura della ferita, sebbene l’incidenza di sequele postoperatorie sia piuttosto bassa. A causa di un’insufficiente cura della ferita, tuttavia, i pazienti possono soffrire di infezioni oculari e sanguinamento dopo l’intervento chirurgico. Dopo l’intervento di cataratta, aumenta la possibilità di subire un distacco di retina.

Qual ​​è la durata dell’intervento di cataratta?

L’intervento di cataratta è un day surgery. In genere, l’operazione richiede tra i 30 ei 45 minuti. Tuttavia, la durata complessiva può essere maggiore per alcuni pazienti, a seconda della tecnica anestetica e delle preparazioni chirurgiche da eseguire. Di solito, i pazienti possono tornare a casa dopo una procedura.

Qual ​​è il momento per il recupero dalla chirurgia della cataratta?

Il tempo necessario a un paziente per recuperare la vista normale dopo l’intervento di cataratta varia a seconda della difficoltà della procedura e della gravità della cataratta. Entro 7-15 giorni si ottiene un’acuità visiva eccellente. Tra 15 e 30 giorni, l’individuo si riprende completamente. La chirurgia della cataratta è un trattamento quotidiano non invasivo che viene spesso eseguito in anestesia locale. A causa delle condizioni di salute di base, alcune persone potrebbero richiedere un breve ricovero in ospedale. Dopo la procedura, l’occhio viene bendato e il paziente viene richiamato agli intervalli raccomandati dal medico.

Durante la fase postoperatoria, l’occhio può essere sensibile e dolente per alcuni giorni e il recupero può richiedere diverse settimane. Durante questo periodo, l’attenzione dovrebbe essere dedicata all’uso regolare e corretto dei farmaci determinato dal medico. I pazienti vengono frequentemente controllati dal dottore il primo giorno, la prima settimana e il primo mese dopo un intervento chirurgico. Nel gruppo di controllo, il processo di guarigione viene monitorato assicurandosi che l’occhio non venga infettato. Il medico stabilisce quindi il successivo corso della terapia. Generalmente

Quali sono le complicanze della chirurgia della cataratta?

La chirurgia della cataratta è una delle procedure oculari più invasive, ma c’è un basso rischio di perdere la vista. Questo rischio è maggiore nei luoghi in cui vengono utilizzati materiali di bassa qualità, dove lo stesso materiale viene utilizzato su più pazienti senza essere cambiato, dove le persone cercano di risparmiare sui farmaci per la protezione degli occhi e dove vengono utilizzate lenti intraoculari di bassa qualità. Le complicanze più gravi che possono insorgere dopo l’intervento chirurgico sono quelle associate al sanguinamento. Sebbene estremamente raro, è possibile che l’occhio si perda prima che il medico possa fare qualsiasi cosa.

Questo rischio è aumentato, specialmente nelle persone con ipertensione. Il secondo problema più significativo sono le infezioni. Gli antibiotici intraoculari mitigano questo pericolo nelle strutture che danno priorità alla pulizia e impiegano materiali usa e getta approvati dalla FDA. Numerose complicazioni che potrebbero essere state prevenute possono insorgere dopo l’intervento di cataratta, tra cui la caduta della cataratta nell’occhio, difficoltà nell’inserimento della lente intraoculare ed errori nel numero di lenti.

Cos’è il “laser a femtosecondi”?

Come viene definito un laser a femtosecondi? La chirurgia laser a femtosecondi (LASIK) è una nuova tecnica laser che migliora l’efficacia e la sicurezza delle procedure laser. denominato “laser senza lama”. Lo sviluppo della valvola corneale, o lembo, è la fase che ha il maggiore impatto sull’esito della chirurgia laser dell’occhio.

Tecnica faco che utilizza un laser a femtosecondi-Chirurgia laser dell’occhio per la cataratta

I colliri vengono utilizzati per anestetizzare l’occhio durante l’intervento chirurgico; quindi, la procedura viene eseguita senza anestesia, ago o bisturi ed è indolore. Le persone comunemente si riferiscono alla tecnica laser nota come “laser a femtosecondi” come “chirurgia della cataratta senza coltello” a causa del fatto che i passaggi più cruciali dell’intervento vengono eseguiti senza l’uso di un coltello. Sebbene rari, dopo l’intervento di cataratta possono verificarsi problemi che non possono essere evitati dall’intervento umano. Per evitare queste difficoltà, la vasta esperienza del medico è fondamentale.

Nella procedura faco, la corneale chirurgia l’incisione è formata con un coltello a fessura, ma nella chirurgia della cataratta a femtosecondi, l’incisione viene eseguita totalmente con la tecnologia laser. Negli ultimi anni questa procedura, comunemente chiamata “chirurgia laser senza lama”, è stata utilizzata anche negli interventi di cataratta. Pertanto, diverse azioni che il chirurgo deve compiere durante la procedura vengono eseguite dal laser a femtosecondi in modo regolato e inalterato prima dell’operazione. L’utilizzo del laser a femtosecondi rende l’intervento chirurgico più semplice e sicuro, poiché alcuni passaggi vengono completati in anticipo. Oltre a contrassegnare l’asse di impianto delle lenti astigmatiche, un laser a femtosecondi aiuta a posizionare la lente astigmatizzata nella posizione più precisa.

Quando aumenta l’acuità visiva dopo il recupero dalla chirurgia della cataratta?

La compromissione della vista è comune nelle prime ore dopo l’intervento di cataratta. A causa dei farmaci e delle luci utilizzate durante l’intervento chirurgico, la vista compromessa persiste per diverse ore. Successivamente, si sviluppa edema corneale, che può causare offuscamento visivo fino a due giorni. Se la cataratta non è troppo densa, si prevede che la vista del paziente comincerà a schiarirsi il terzo giorno.

Si prevede che il quadro diventerà più chiaro entro la prima settimana. Tuttavia, per tutto questo tempo, il paziente può continuare ad avere una vista sfocata a causa di occhiali che non si adattano bene, ma non c’è motivo di preoccuparsi se può vedere chiaramente con gli occhiali di prova durante il test. Al termine del primo mese, un occhio sano dovrebbe aver raggiunto il suo grado finale di visione. Se la vista misurata è ancora al di sotto del livello accettabile, è necessario analizzare la presenza del problema.

Quanto tempo ci vuole per il recupero da un intervento di cataratta?

Quanto tempo impiega una persona a vedere di nuovo normalmente dopo l’intervento chirurgico dipende da quanto è stata dura la cataratta e quanto è stato difficile l’intervento chirurgico. In 7-15 giorni, il punto di vista è molto buono. Tra 15 e 30 giorni, la persona torna alla normalità.

Esiste un limite di età per la chirurgia della cataratta per ridurre i sintomi della cataratta?

La chirurgia della cataratta può essere eseguita su pazienti di qualsiasi età; tuttavia, la condizione deve essere prima rilevata e poi operata entro i primi mesi dopo la sua insorgenza.

La chirurgia per cambiare il colore degli occhi con il laser Lumineyes può trattare la cataratta?

No, il laser 8G che utilizziamo per cambiare il colore degli occhi distrugge o riduce solo i pigmenti di melanina nell’iride, cambiando così il colore degli occhi.

Quanti sono i costi o i prezzi della chirurgia della cataratta in Turchia?

A seconda delle lenti e dei materiali utilizzati, i prezzi della chirurgia della cataratta variano tra 500-3500 euro, a seconda della qualità e dell’esperienza del chirurgo.